Loading...

Fan Fic amatoriali

mercoledì 16 febbraio 2011

E piove...

Soffermo lo sguardo sulla strada che devo percorrere e attendo un segno del cielo.
Un tuono squarcia la carne del firmamento, rompendo le sue nuvole che sanguinano pioggia.
La terra si lava, e  gioisce della lacrime che ne spolverano la vecchia pelle stanca.
Un respiro s'alza e un sospiro s'abbassa terso della grazia dell'acqua che disseta la sua anima polverosa.
Io aspetto, sul ciglio della porta...
Una scarica di fuoco celeste ruggisce e il segnale che la vita mi chiama, deflagra in me.
Muovo un passo, la pioggia mi sfiora.
Muovo un'altro passo, la pioggia m'accarezza...
Inizio a correre e lavo i peccato nel sangue del cielo come un'abbietta e sacrilega creatura della terra che agogna innalzarsi verso l'eternità.

3 commenti:

  1. bellissimo Eleonora! "inizio a correre e lavo i peccato nel sangue del cielo come un'abbietta e sacrilega creatura della terra che agogna innalzarsi verso l'eternità" sono parole così dense di significato, così profonde..
    beh, non mi resta che dire Complimenti!

    RispondiElimina
  2. Non ho parole per una pioggia che lascia al mio silenzio il pianto, non ho certezza che giorno lasci un sorriso perche di polvere respiro tristezza.

    RispondiElimina